All Posts in “Luogo Comune”

Ciclo Luogo Comune

luogo comune

2009

Fotografie b/n

Dimensioni e supporti variabili

 

E’ un ciclo di lavori fotografici basati su sguardi ravvicinati, selezioni e scorrimenti su lenzuola, cuscini, corpi, capelli. Lo stato d’incoscienza, di abbandono, di quiete in cui ci ritroviamo una volta addormentati, ci accomuna tutti. Chi ci osserva mentre dormiamo si scopre indagatore che a fatica cerca di carpire e magari rubare un pezzo della nostra intimità, del nostro segreto.

Lo stato di penombra naturale nella camera da letto, luogo dove solitamente sono stati ripresi i soggetti nei momenti di riposo, da un lato rende scomoda la lettura delle immagini, ma dall’altro rende possibile l’individuazione di particolari inattesi. Spostamenti, slittamenti minimi nelle sequenze fotografiche rendono palpabile la sensazione o l’idea di ciò che è e potrebbe non essere più. Ci chiediamo: quanta esistenza c’è in quella frazione di secondo che intercorre tra uno scatto e un altro, come tra un respiro e il suo successivo?

commonplace

2009

Monochrome photography

Variable sizes and media

A cycle of photographs which exploits close looks and selections of sheets, pillows, bodies and hair. The state of unconsciousness, abandonment and quiet which we fall into when we sleep, is an element that unites us all. Anyone watching someone sleeping will find that, however much they may wish to do so, they are unable to capture any part of their intimate, secret being.

The natural penumbra of the bed room, where the subjects were mostly photographed resting, on the one hand makes it harder to read the images, while bringing to light unexpected details on the other. Minimal movements in the photographic sequences make palpable the sensation or idea of what is, and what may no longer be. We ask ourselves: how much existence resides in the moment between frames, between breaths?

The media and sizes are variable, but all designed for printing on canvas, at a width of at least 80 cm.